Partito di Alternativa Comunista

Brasile: giustizia per Bruno e Dom!

Brasile: giustizia per Bruno e Dom!

 

 

 

Pstu – Brasile*

 

 

Una settimana dopo la loro scomparsa, il peggio è tragicamente confermato. I corpi ritrovati la mattina di lunedì 13 giugno 2022, in un’area remota dell’Amazzonia, sarebbero quelli del ricercatore, esperto di popoli indigeni, Bruno Pereira e del giornalista britannico Dom Phillips. Secondo un resoconto de The Guardian, i corpi sarebbero stati legati ad un albero. Ancora nessuna conferma ufficiale riguardo la loro identificazione.
È l’ennesimo crimine perpetrato dal governo brasiliano, che ogni giorno si impegna a distruggere l’Amazzonia, a sterminare le popolazioni native, a difendere gli interessi dell'agrobusiness, dell’industria del legname e delle miniere, a scapito dei boschi e delle riserve indigene. Un governo che non bada a spese per la demolizione e la vendita all'asta di ogni singolo presidio di protezione ambientale o indigena, e che, inoltre, perseguita chiunque gli si opponga. Proprio come fece con Bruno Pereira, espulso dal Coordinamento Generale degli Indigeni Isolati, dopo essere stato referente della Funai (Fondazione nazionale brasiliana di protezione degli Indios), per aver condotto un’azione contro i cercatori d’oro.
Il governo Bolsonaro, utilizzando un falso discorso nazionalista, consegna il patrimonio e la l’Amazzonia all’imperialismo e, come ha dimostrato di recente offrendo la foresta al multimillionario Elon Musk, si dimostra servile ai massimi livelli. 
Bolsonaro ha esternato tutto il suo disprezzo verso le popolazioni native, verso chi lotta per la loro difesa, anche verso la libertà di stampa; e l’ha fatto quando, in un clima di commozione pubblica provocata dalla scomparsa di Bruno e Dom, ha incolpato le stesse vittime affermando che i due si fossero imbarcati in «un’avventura non raccomandabile». Versione ribadita dal vicepresidente Mourao, che ha attribuito al ricercatore e al giornalista la responsabilità di essere entrati in una regione «pericolosa» senza «avvisare efficacemente le autorità competenti»: queste dichiarazioni sono false.
Il governo Bolsonaro, che oltretutto incentiva la violenza contro indigeni, giornalisti e attivisti, è il responsabile diretto di questo crimine, messo in atto con la certezza e la consapevolezza di impunità. Tutto ciò fa parte del suo progetto autoritario di persecuzione, tortura e sterminio di attivisti e avversari. 

Noi non dimenticheremo! Giustizia per Bruno e Dom! Cacciamo Bolsonaro e Mourao, ora!

(13 giugno 2022)

 

*Sezione brasiliana della Lit-Quarta Internazionale

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




 sabato 3 dicenbre

Cremona

 


giovedì 27 ottobre

zoom nazionale


 

Sabato 15 ottobre

Cremona 

 

 

 


Modena, 9 luglio

 


 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 117

NEWS Trotskismo Oggi n 20

Ultimi Video

tv del pdac